Sono Dino Martinelli e come presidente della sezione, ma ancor più come amico, vorrei dedicare questo breve scritto a ricordo di Francesco.

Pochi giorni fa è deceduto prematuramente il nostro socio e amico Francesco di anni 68, una persona con elevate doti umane e integrità morale, sempre disponibile ad ascoltare e pronto ad aiutare.

Francesco durante i circa 40 anni da vigile del fuoco è stato punto di riferimento per molti di noi,

durante il servizio ha sempre dato dimostrazione delle sue elevate capacità di affrontare ogni tipologia di intervento da prima come Vigile poi come Capo Squadra e in seguito come Capo Reparto e partecipando anche a molta calamità nazionali, sono certo che all’interno della caserma ha lasciato un positivo ricordo e una traccia del suo impegno lavorativo che è servito e servirà da esempio per le future generazioni di Vigili del Fuoco.

In questi giorni, del 45° anniversario del terremoto in Friuli del 6 maggio 1976, vorrei dedicargli un ricordo personale, e per farlo devo citare un altro collega che ci ha lasciato purtroppo anche lui prematuramente, circa due anni fa Mauro Pucci.

Siamo nel maggio 1976 terremoto in Friuli, Francesco, Mauro e lo scrivente, all’epoca come ex vigili del fuoco ausiliari siamo tutti e tre iscritti nelle liste dei vigili discontinui del Comando di La Spezia e siamo anche vincitori di concorso per essere a breve assunti come Vigile del Fuoco.

Pochi giorni dopo l’evento sismico la direzione centrale dei Vigili del Fuoco del Ministero dell’Interno decide di richiamare urgentemente in servizio circa trecento vincitori dello stesso nostro concorso, noi tre siamo tra questi, senza esitare partiamo e partecipiamo alle operazioni di soccorso ed ancor prima di essere Vigili effettivi, ci siamo trovati nel mezzo di un evento calamitoso di vaste proporzioni e di grande impatto emotivo, questi momenti vissuti assieme a loro due sono rimasti impressi nella mia mente in modo chiaro e preciso, sono certo che anche per Mauro e Francesco è stato così.

Il 20 giugno rientriamo a casa dopo pochi giorni ci arriva la comunicazione che il 26 giugno dovevamo prendere servizio come Vigili al Comando VV.F. di La Spezia, inizia così la nostra avventura nella grande famiglia dei Vigili del Fuoco.

Da quel 26 giugno in poi ci sarebbero molti altri momenti di vita comune da raccontare ma questo fa parte della storia di una vita da Vigile del Fuoco, se pur simile a tante altre, ogni uno di noi scrive la propria.

Ciao Francesco  –  per noi rimarrai per sempre Francè  –

In memoria di Francesco i soci della nostra sezione hanno raccolto euro 440,00 poi devoluti in beneficenza alla fondazione AIRC per la ricerca sul cancro

Associazione Nazionale Vigili del Fuoco – CN