• Home
  • Ricerche storiche
  • Nasce il Corpo Naz. dei VVF

Nasce il Corpo Naz. dei VVF

Si ringraziano Alessandro MELLA e Alessandro FIORILLO, autori dei testi, per aver collaborato con ANVVF

NASCE IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO

La grande famiglia italiana dei Vigili del Fuoco è una delle poche al mondo a poter vantare un’organizzazione di tipo nazionale, da molte nazioni invidiata e stimata.

Ma come è nata? e perché?

Oggi si fa una grande confusione indicando come anno di nascita il 1941, dato non corretto.

Spesso viene indicato come motivo lo stato di guerra ma è questo un concetto assai riduttivo e tra l’altro non fondato essendo in realtà il Corpo Nazionale di concezione prebellica.[…]

Il primo grande passo si ottenne quando i comandanti dei Corpi delle grandi città si riunirono a Napoli nel 1935 per gettare le basi del nascente “Corpo Nazionale Pompieri” costituito di Corpi Provinciali (Legge 2472 del 10 Ottobre 1935).

Essi pieni d’entusiasmo e volontà si resero artefici di un’opera straordinaria per il nostro paese ed ancora oggi fondamentale.

I Pompieri della città capoluogo assunsero il controllo di quelli della relativa provincia.

Rispondevano quindi all’Ispettorato Centrale Pompieri che d’intesa con la Federazione Tecnica Pompieri d’Italia (benemerita istituzione che tanto si era prodigata per uniformare i pompieri italiani e standardizzarli) introdusse la prima uniforme nazionale in panno blu.

Il corpo cambia nome nel 1938 quando la legge 1021 abolisce la parola “Pompiere” d’origine francese in favore di “Vigile del Fuoco” in memoria dei Vigiles dell’antica Roma a cui il fascismo spesso si ispirava.

Un po’ quindi per valorizzare il nascente corpo ed un po’ in favore dell’autarchia culturale il vecchio francesismo spesso motivo di battute di spirito venne messo da parte.

Ma è con il Regio Decreto 333 del 1939 che finalmente prende vita il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

Suo creatore fu il Prefetto Alberto Giombini, uomo grandioso di grande intelligenza e lungimiranza.

Fu lui che con l’apporto dei giovani ufficiali e comandanti entusiasti mise in piedi un’organizzazione straordinaria ancora oggi al passo con i tempi e straodinariamente efficiente.

La neonata Direzione Generale dei Servizi Antincendi prese il coordinamento dei Corpi Provinciali numerati in ordine alfabetico e muniti di un proprio motto.

Grazie alla Cassa Sovvenzioni Antincendi fu possibile dotare in tempi celeri tutti i corpi d’Italia di un rinnovato parco mezzi, di nuove attrezzature e materiali, di nuove sedi e d’ogni necessità portando anche al Sud l’eccezionale organizzazione ponendo fine alle grandi disparità del passato.

I tempi delle ristrettezze dei comuni erano finalmente finiti tra l’entusiasmo generale del personale permanente e di quello volontario finalmente valorizzato.

Vennero edificate le Scuole Centrali Antincendi per l’istruzione del personale e le colonie per le cure dei figli dei VVF.

Fu curata la formazione del personale ed in breve tempo si crearono nuove specialità (celeri, portuali, pontieri, cinofili, di montagna, chimici, etc… etc…) mettendo in piedi un servizio capillare sfiorante la perfezione.

Le potenzialità del personale unite all’entusiasmo generale permisero questo eccezionale risultato.

Quando al termine del Primo Campo Nazionale dei VVF del 1939 il Duce assistette alla manovra di Piazzale di Siena rimase esterefatto dai risultati ottenuti in così breve tempo (vedi immagini inedite del Campo e dell’esercitazione cliccando sul link “Primo Campo Nazionale”).

Nel frattempo fu dato grande impulso all’attività sportiva ed il corpo divenne una fucina d’atleti eccezionali.

La celere nascita e crescita del Corpo Nazionale fu anche merito del gruppo di ufficiali che affiancarono Giombini e seppero mettere da parte ogni divisione in nome di un opera comune fondamentale per il paese.

Nei cinque anni di guerra i Vigili del Fuoco seppero svolgere un lavoro eccezionale e resistere alle privazioni ed al superlavoro del conflitto nonchè ai drammi della guerra civile che portò l’Italia alla fine del conflitto.

Al termine della guerra iniziò a circolare tra i comandanti dei corpi il terrore di uno scioglimento del Corpo.

I Comandanti terrorizzati dall’idea di un assurdo ritorno ai comuni iniziarono a coalizzarsi tra loro per tenere una linea comune e sensibilizzare lo stato affinché non procedesse allo smantellamento dell’organizzazione nazionale in favore di un nefasto ritorno agli enti locali.

L’azione degli stessi fortunatamente fu compresa dall’amministrazione centrale che iniziò un opera eccellente per la risistemazione del Corpo che da lì a poco fu in grado di operare con efficienza su tutte le calamità italiane dal dopoguerra fino ad oggi.

Oggi il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco rappresenta una delle istituzioni più amate ed invidiate all’estero.

La straordinaria organizzazione in grado di operare su tutto il territorio raccoglie l’apprezzamento di tutti. […]

Email