Sezione di FORLI' CESENA - e' morto l'artista Angelo Ranzi socio onorario dell’anvvf

E' deceduto l'artista forlivese Angelo Ranzi, aveva 89 anni.

Lo ricorda Giuseppe Loberto, consigliere nazionale ed artista che ha collaborato nella realizzazione delle opere per l’ANVVF e per i Vigili del Fuoco di Forlì-Cesena:

"Con la scomparsa di Angelo Ranzi, l’ANVVF perde il più brillante suo artista, conosciuto in Italia, colui che ha realizzato per anni numerose opere a titolo gratuito per la nostra Associazione.

La sua prima opera per l’ANVVF fu la litografia dell’incontro di Rimini del 1992.

Presentatomi nel 1994 dal suo amico Bruno Monti, cominciai in veste di cerimoniere nazionale la collaborazione artistica con Angelo il quale realizzò magistralmente le mie idee creando le belle e significative litografie per i raduni nazionali, dal primo di Castrocaro Terme a quello del 2003 a Val Vigezzo, opere donate ai soci partecipanti agli eventi.

Conoscendolo mi colpirono fin dall'inizio la sua signorilità e, nel contempo, la sua modestia, sia come uomo sia come artista.

Nel 1994 collaborò alla realizzazione del primo monumento nazionale al Vigili del Fuoco dell’ANVVF a Castrocaro suggerendo il soggetto realizzato in cemento armato “la mano del soccorso”.

Successivamente la collaborazione continuò attraverso la sua abilità d’incisore realizzando le medaglie commemorative in bronzo, tra cui si ricorda quella dell’anno giubale 2000, donata in occasione del raduno nazionale in crociera, nonché quella dedicata all’Ing. Mario Arrigo e all’Ing. Paolo Ancillotti.

Nel 2012 in occasione del 150° di fondazione dei civici pompieri di Forlì, con lui realizzammo la medaglia celebrativa, donata anche all’Amministrazione Comunale.

Un'artista a tutto tondo, capace di spaziare dalla pittura ad acquerello  all’incisione fino alla scultura.

Sorretto da una solidissima fede religiosa (tema a cui aveva dedicato molta parte delle proprie opere) diede corpo alla spiritualità attraverso i racconti della vita quotidiana di S. Francesco e contribuì a rendere vivi le storie della Romagna del poeta Aldo Spallicci.

Angelo Ranzi, con oltre 250 mostre, ha incantato con le sue opere numerose generazioni ed è stato capace di esprimersi ad alti livelli riuscendo con garbo a trasmettere emozioni in ogni sua opera.

Attivo in numerose accademie e associazioni culturali, lascia un grande vuoto nella vita culturale particolarmente di Forlì, della Romagna e dell’ANVVF.

Era amato non solo per le sue qualità artistiche, ma anche per quelle umane apprezzate anche dai nostri soci durante la sua permanenza a qualche raduno nazionale”.

Ricordo dell’ing. Giuseppe Loberto

Email